9 Luglio 2021
VIA LIBERA DALL’EUROPARLAMENTO A 6,1 MILIARDI PER LA PESCA SOSTENIBILE

Via libera dall’Europarlamento allo stanziamento di 6,1 miliardi in favore della pesca sostenibile e della tutela delle comunità dei pescatori. E’ stato infatti approvato il Fondo europeo per gli affari marittimi, la pesca e l'acquacoltura (Feampa) con i criteri di spesa nell’ambito del bilancio Ue a lungo termine (2021/2027).

Il budget è stato così suddiviso: 5,3 per la gestione della pesca, dell'acquacoltura e delle flotte pescherecce, il resto per consulenze scientifiche, controlli, verifiche, studi di mercato, sorveglianza e sicurezza marittima. Almeno il 15% degli stanziamenti nazionali, poi, dovrà essere speso in azioni per favorire il controllo della pesca e la raccolta di dati per contrastare la pesca illegale e non regolamentata. Ancora da stabilire la quota di risorse che sarò gestita dal Ministero e la quota gestita dalle Regioni.

Tra gli obiettivi indicati dagli europarlamentari anche nuove misure per migliorare la tracciabilità delle catture lungo tutta la filiera, compresi i prodotti trasformati e le importazioni. Si punta anche ad aiutare i pescatori colpiti dall’emergenza Covid che ha provocato l’arresto temporaneo o definitivo delle attività. Per questo, spiega una nota pubblicata il 7 luglio, uno degli interventi è finalizzato a sostenere i giovani pescatori che acquistano per la prima volta un’imbarcazione da pesca.

C’è poi una forte attenzione al clima in linea con le strategie del Green Deal e infatti il 30% del budget è indirizzato al clima e alla lotta all’inquinamento che prevede anche la raccolta dei rifiuti per ripulire i mari che, secondo una stima, nel 2050 conterranno più plastica che pesce.

Su richiesta del Parlamento, gli Stati membri dovranno indirizzare le loro azioni a sostenere e sviluppare la piccola pesca costiera.
Tra le misure nell’ambito del Fondo una compensazione per i pescatori che devono interrompere temporaneamente il lavoro per rispettare alcune misure di conservazione (“fermo pesca”); un sostegno per coloro che devono demolire o disarmare un peschereccio se le loro attività cessano definitivamente; un finanziamento per le attrezzature necessarie al rispetto degli obblighi di sbarco del pescato sottomisura non destinato al mercato e delle norme di controllo della pesca Ue, come i dispositivi di localizzazione delle navi e di segnalazione elettronica.

AL VIA PETIZIONE CONTRO PANNELLI MANGIA SUOLO PER DIFENDERE IL TERRITORIO

- Al via la petizione contro i pannelli solari mangia suolo per combattere il rischio idrogeologico di fronte ai cambiamenti climatici e spingere invece il FOTOVOLTAICO PULITO ed ecosostenibile SUI TETTI DELLE STALLE, CASCINE, MAGAZZINI, FIENILI, LABORATORI DI TRASFORMAZIONE e STRUTTURE AGRICOLE. 👉FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE "Sì all’energia rinnovabile senza consumo di suolo agricolo” 👉 CLICCA QUI https://www.change.org/tuteliamoilsuoloagricolo #giovanimpresa #energierinnovabili #ambiente #tutelasuolo #pannelli #tetti

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi