19 Dicembre 2019
INFORTUNI: COLDIRETTI PUGLIA, IN CALO IN AGRICOLTURA IN 3 ANNI -20%; BENE BANDI INAIL

Continua il trend positivo in Puglia del calo degli infortuni registrati in agricoltura con una diminuzione del 20% dal 2016 al 2018, risultato del grande sforzo nell’ottica della formazione degli imprenditori agricoli. E’ quanto riferisce Coldiretti Puglia, sulla base dell’analisi dei dati INAIL relativi all’ultimo triennio sui casi denunciati di infortunio sul lavoro in agricoltura.

“Apprezzabile la scelta di INAIL, sostenuta dal Ministro delle Politiche Agricole Bellanova, di puntare sui giovani, con lo stanziamento di 33 milioni per la generalità delle imprese agricole e 7 milioni per i giovani agricoltori under 40 attraverso i Bandi ISI per il rinnovo dei trattori. La percentuale di calo degli infortuni in agricoltura è molto incoraggiante, ma molto resta ancora da fare per ridurre infortuni e azzerare incidenti mortali, per questo è necessario continuare con decisione lungo la strada intrapresa dell’innovazione tecnologica, della formazione, della semplificazione burocratica per accompagnare il processo di sicurezza in campagna”, dice Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

“Grazie al prezioso lavoro di ammodernamento delle imprese agricole fatto in questi anni si è giunti a rendere il lavoro in agricoltura tecnologicamente più avanzato e anche più sicuro. Per questo è necessario che le istituzioni a tutti i livelli implementino le opportunità occupazionali nel settore agricolo, attraverso interventi di stabilizzazione del lavoro, garantendo flessibilità e competitività all’impresa, continuità di reddito e sicurezza al lavoratore”, conclude Muraglia.

Dagli anni 50 ad oggi, per arginare il fenomeno del ribaltamento dei trattori con conseguenze mortali sono state introdotte strutture per la protezione del conducente, dice Coldiretti Puglia.

“In Puglia abbiamo attivato in tutte le province corsi di formazione continua degli imprenditori agricoli – aggiunge ildirettore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – per dotarli di strumenti teorici e pratici di conoscenza, accompagnandoli nell’avvio di reali sistemi di prevenzione degli infortuni, superando inutili vincoli burocratici e sostenendo le imprese, anche grazie alle risorse dei Bandi INAIL che hanno messo a disposizione delle imprese agricole risorse a fondo perduto per rinnovare ed ammodernare il parco macchine attualmente in circolazione”, chiude il direttore Corsetti.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi