10 Settembre 2022
ECONOMIA CIRCOLARE: AGRIDIDATTICA SU CIBO E AMBIENTE PER ‘BIMBI ECOLOGI’ A LECCE

A 3 giorni dalla riapertura delle scuole in Puglia, al via l’agrididattica per ‘bimbi ecologi’ con giochi e percorsi di sostenibilità, educazione alimentare e contro gli sprechi alimentari, dal gioco dell’oca alla lente magica, dalla coltivazione in bicchiere alle foglie d’arte. Sono i laboratori organizzati da Campagna Amica, in cui sono stati impegnati i bambini delle case famiglia ‘Volare Alto’ e ‘Chiara Luce’ per il circular tour al mercato dei contadini a Lecce, uno spazio dedicato ai più piccoli con l’opportunità di giocare ed imparare, per educare a comportamenti virtuosi i piccoli consumatori del futuro.

Per aiutare tutto il sistema scolastico e le famiglie ad alimentare al meglio le giovani generazioni e l’intero nucleo familiare, da anni il Progetto di Educazione alla Campagna Amica ha agevolato l’incontro tra i bambini e i prodotti agricoli ‘fatti’ dagli agricoltori. In Puglia negli ultimi 10 anni – riferisce Coldiretti Puglia – sono stati coinvolti nel progetto delle masserie didattiche 200mila bambini e 480 scuole, di cui il 70% nella fascia d’età compresa fra i 4 e gli 11 anni, dalla scuola materna alla primaria e il 30% studenti più grandi medie e superiori.

Il progetto per lo sviluppo sostenibile e l’educazione alimentare riguarda le lezioni di agrididattica a scuola con le donne di Coldiretti, con la necessità di garantire al contempo che nelle mense scolastiche siano somministrati agli studenti pasti preparati con prodotti agricoli del territorio a Km0, quando più di un pugliese su quattro (28%) ha una valutazione negativa dei pasti serviti nelle mense scolastiche dove si stima ne vengano consumati 90 milioni all’anno per 585.000 studenti, nella sola refezione della scuola dell’obbligo.

L’obiettivo è ‘culturale’ e consiste nel tentare di cambiare abitudini di consumo sbagliate che si sono diffuse ovunque, formando consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti. “I percorsi virtuosi sull’approvvigionamento delle mense scolastiche con il cibo locale del territorio – afferma Maddalena Rignanese, leader di Coldiretti Donne Impresa Puglia - dovranno diventare prioritari alla ripresa dell’attività didattica in presenza. Una netta maggioranza del 71% dei genitori ritiene che le mense dovrebbero offrire i cibi più sani per educare le nuove generazioni dal punto di vista alimentare mentre solo il 12 per cento ritiene che dovrebbero essere serviti i piatti che piacciono di più”, conclude Rignanese.

SONDAGGIO

Con il caro bollette e l’inflazione, per i regali di Natale 2022, pensi di:

TERRAINNOVA

 

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi