9 Novembre 2021
DISSESTO: COLDIRETTI PUGLIA, RICHIESTA CALAMITA’ PER ALLUVIONE A FOGGIA DI LUGLIO; MINISTERO FINANZIA RIMBOSCHIMENTO

Destinatari dei contributi sono le aziende agricole e forestali, con un corsia preferenziale per gli interventi effettuati da imprenditori agricoli e forestali di età inferiore ai quaranta anni

Richiesta l’attivazione del Fondo di Solidarietà Nazionale per i territori di Rignano Garganico, Foggia e San Severo, con l’approvazione della Giunta regionale della proposta urgente al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali di declaratoria delle eccezionali avversità atmosferiche, dopo il disastro idrogeologico avvenuto nel luglio scorso, quando la violenta alluvione ha spazzato via intere agricole come “Villanova”. A darne notizia è Coldiretti Puglia, in relazione alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Decreto del MIPAAF che ha finanziato il Fondo per il rimboschimento e la tutela ambientale e idrogeologica delle aree interne, con la messa in sicurezza e manutenzione del suolo e rimboschimento, a beneficio delle aziende agricole e forestali. Lo stanziamento è di 3 milioni di euro, dove 1 milione di euro è assegnato solo a 4 regioni che occupano un terzo della superficie forestale italiana, tra cui la Puglia con 179mila ettari.

Destinatari dei contributi – riferisce Coldiretti Puglia - sono le aziende agricole e forestali, con un corsia preferenziale per gli interventi effettuati da imprenditori agricoli e forestali di età inferiore ai quaranta anni, compiuti alla data di chiusura del bando, che devono avere la disponibilità dei terreni su cui si intende realizzare l'intervento e devono essere regolarmente iscritte all'albo delle imprese forestali della regione dove si intende realizzare il progetto.  Sono ammessi contributi per interventi che spaziano dalla realizzazione e manutenzione straordinaria di opere di sistemazione idraulico-forestale finalizzati a ridurre il rischio idrogeologico (inclusa la viabilità forestale), al ripristino e miglioramento delle superfici forestali degradate a causa di eventi estremi ma anche di incendi boschivi. Sono stati anche definiti dei criteri di priorità che, per esempio, premiano i progetti delle aziende che operano nei comuni montani, quelli nelle aree definite come boschi di protezione o ancora nelle aree classificate ad alto rischio di incendi o sottoposte a vincolo idrogeologico.

“Oltre l’89% dei comuni pugliesi è a rischio frane, smottamenti e dissesto idrogeologico con la tropicalizzazione del clima caratterizzata da eventi estremi e controversi che aggravano lo stato di salute di un territorio già molto fragile. Sono misure che vanno implementate perché il rischio idrogeologico in Puglia è una pericolosa realtà e in Salento va sostenuta la riforestazione al servizio degli operatori e dell’indotto sull’area infetta da Xylella che ha colpito 8mila chilometri quadrati di territorio, con superfici irrimediabilmente degradate e i frequenti incendi”, afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Sono 230 su 257 i comuni pugliesi a rischio di dissesto idrogeologico e a pagarne i costi – segnala Coldiretti Puglia – oltre ai cittadini residenti soprattutto nelle aree rurali, sono proprio le 11.692 imprese che operano su quei territori. Il rischio idrogeologico, con differente pericolosità idraulica e geomorfologica, riguarda – rileva Coldiretti Puglia – il 100% dei comuni della BAT, il 95% dei territori di Brindisi e Foggia, il 90% dei comuni della provincia di Bari e l’81% dei comuni leccesi e sono 8.098 i cittadini pugliesi esposti a frane e 119.034 quelli esposti ad alluvioni.

Il rischio idrogeologico riguarda contesti prevalentemente agricoli o naturali per il 67% perché in Puglia la terra frana e si consuma anche a causa dell’abbandono delle aree rurali per fattori diversi – insiste Coldiretti Puglia - a cui si aggiungono fenomeni meteorologici sempre più intensi, concentrati in poche ore e su aree circoscritte, con alluvioni e danni anche in aree non eccessivamente antropizzate. La salvaguardia del suolo, dell’ambiente e delle produzioni agricole e agroalimentari è fondamentale per garantire un avvenire alle future generazioni.

Lo scenario è aggravato dal dato negativo del consumo del suolo in Puglia, dove – conclude  Coldiretti Puglia - sono stati ‘mangiati’ in 15 anni in Puglia 157.718 ettari di suolo, uno dei dati più negativi d’Italia, a causa dell’abbandono, della cementificazione e dei nuovi impianti fotovoltaici installati a terra che hanno assorbito il 37%  del suolo consumato in Puglia in un anno tra il 2019 e il 2020.

SONDAGGIO

Con il caro bollette e l’inflazione, a cosa dovrai rinunciare:

TERRAINNOVA

 

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi