BEFANA SOLIDALE: COLDIRETTI PUGLIA, IL 6 GENNAIO I POVERI A MENSA CON I CUOCHI CONTADINI
dal : 04/01/2021 - dal : 07/01/2021
presso : , () Puglia

Warning: Illegal string offset 'lat' in /var/www/html/puglia.coldiretti.it/wp-content/themes/regionali/single-eventi.php on line 155

Warning: Illegal string offset 'lng' in /var/www/html/puglia.coldiretti.it/wp-content/themes/regionali/single-eventi.php on line 156

Warning: Illegal string offset 'address' in /var/www/html/puglia.coldiretti.it/wp-content/themes/regionali/single-eventi.php on line 157

Warning: Illegal string offset 'center_lat' in /var/www/html/puglia.coldiretti.it/wp-content/themes/regionali/single-eventi.php on line 158

Warning: Illegal string offset 'center_lng' in /var/www/html/puglia.coldiretti.it/wp-content/themes/regionali/single-eventi.php on line 159

Warning: Illegal string offset 'zoom' in /var/www/html/puglia.coldiretti.it/wp-content/themes/regionali/single-eventi.php on line 160

Sarà una Befana solidale in Puglia grazie ai cuochi contadini di Campagna Amica che doneranno i pasti cucinati negli agriturismi alle mense per gli indigenti, un gesto di solidarietà a beneficio dei nuovi poveri cresciuti del 40% a causa dell’emergenza economica scatenata dalla pandemia da Covid. L’iniziativa è degli agriturismi di Terranostra Puglia, associazione agrituristica di Coldiretti che, nonostante la chiusura forzata e la conseguente perdita di fatturato, hanno voluto pensare ai tanti sfortunati che hanno bisogno di aiuto anche per mangiare per effetto della crisi economica e sociale provocata dalla pandemia e dalla conseguente perdita di opportunità di lavoro.

L’appuntamento è il 6 gennaio 2021, dalle ore 10,00, con i cuochi contadini degli agriturismi pugliesi che doneranno i pasti alle mense della parrocchia di Santa Maria delle Grazie in Santa Rosa a Lecce, della Cattedrale a Bari e alle ore 11,00 alla mensa sociale Paolo VI° a Fasano (Brindisi).

Fra i nuovi poveri – sottolinea la Coldiretti regionale – ci sono coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie.

Presso i centri di distribuzione dei pacchi alimentari e alle mense della solidarietà – conclude Coldiretti Puglia - si presentano persone e famiglie che mai prima d’ora avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche e ai centralini arrivano decine di telefonate al giorno con richieste di aiuto perché padri e madri non sanno come sfamare i figli e si vergognano di trovarsi per la prima volta in questo tipo di difficoltà.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi